mercoledì 17 maggio 2017

L'INNOVAZIONE IN MEDICINA: COME SI ALLUNGA LA VITA IN SALUTE?

Dott. Marcello Coppa - CEO di  Coppa + Landini
Domani, giovedì 18 maggio alle 19, nella Sala Arena del Polihub in Via Durando 39 a Milano si terrà l'evento "Explore Talks on Healthcare". Il tema è: "l'innovazione applicata alla salute umana, tra algoritmi matematici, big data e le nuove frontiere della medicina predittiva e della precision medicine".
Vista l'importanza dell'innovazione nell'ambito della salute, Gravità Zero ha posto qualche quesito al Dott. Marcello Coppa, CEO di Coppa + Landini, società di consulenza per l'innovazione. Sarà proprio il Dott. Coppa, domani, ad introdurre l'evento.

1) La pseudoscienza in medicina oggi è molto diffusa. La gente crede fermamente a cose che non stanno ne' in cielo ne' in terra, come si usa dire. Come si può comunicare l'innovazione in medicina in modo scientificamente rigoroso, ma anche divulgativo?

Ciò che può essere immesso sul mercato nell'ambito della salute è regolamentato da diversi organismi nazionali e sovranazionali: per poter essere applicata sull'uomo una soluzione deve percorrere un iter ben definito, che richiede anni di sperimentazione e test a diversi livelli. Ciò ha diverse implicazioni: innanzitutto esistono diverse tipologie di rimedi e solo alcuni sono effettivamente dei farmaci. Altri non lo sono, sono trattamenti cosmetici, integratori, … non farmaci.

Per quanto riguarda la pratica medica c’è anche il giudizio della comunità scientifica che “accetta”  o meno determinati approcci. Questo è un primo discrimine: esiste una versione “ufficiale” dell’innovazione significativa, ma spesso i media cavalcano le pseudoscienze per qualche click. 
Quindi la buona comunicazione è innanzi tutto un problema etico. Poi, c’è anche un tema di competenze scientifiche di chi comunica. Spesso le scoperte o le innovazioni in campo medico vengono comunicate un po’ superficialmente come “cure”. Il fatto è che sono ancora molto lontane dal diventare cure, perché dovranno superare proprio quell'iter che le istituzioni che governano la salute pubblica richiedono.

2) La durata della vita si allunga e questo è un successo in medicina. Ma alcuni pazienti dicono che - soprattutto in certe condizioni - non vale la pena vivere. Esistono innovazioni che miglioreranno la qualità della vita delle persone molto anziane? 
Rispetto al tema degli anziani, sta emergendo il concetto di silver economy, cioè di un comparto dell’economia composto da prodotti e servizi dedicati alle persone anziane. Sul tema della non autosufficienza, credo che l’innovazione medica debba andare di pari passo con l’innovazione sociale. La salute non è soltanto assenza di patologia, ma benessere complessivo. La componente di socialità e di servizi alla persona è quindi fondamentale.

3) La medicina sarà in grado di dirci in anticipo esattamente quanto vivremo? Se è vero che siamo "guidati" da geni ed ambiente in un'interazione piuttosto complessa, quali innovazioni dobbiamo aspettarci in questo campo?


Più che quanto vivremo, che probabilità avremo di sviluppare determinate patologie. Questo è già possibile. Ma la genetica non ha un valore soltanto predittivo. L’innovazione più significativa in questo campo è la possibilità di intervenire a modificare il genoma per correggerne gli “errori”, come ad esempio attraverso la tecnologia di editing chiamata CRISPR/CAS9. Ciò ha implicazioni straordinarie dal punto di vista dell’allungamento della vita in salute (healthy longevity), ma anche diversi risvolti etici rispetto a cosa è da considerarsi “errore”. Sarebbe più corretto infatti parlare di mutazioni, cosa che naturalmente accade, e del fatto che esistano anche mutazioni positive. In silicon valley e negli ecosistemi più avanzati del mondo gli investimenti si stanno orientando dal software all’healthcare. L’afflusso di capitali contribuirà ad accelerare l’innovazione in questo ambito.
Grazie Dott. Coppa e buon lavoro.

Walter Caputo Science writer e redattore scientifico per Gravità Zero Cofondatore del blog "Cibo al microscopio"

L'articolo è tratto dalla testata scientifica Gravità Zero 

sabato 13 maggio 2017

VACCINI? SI, GRAZIE: LA CAMPAGNA SOCIAL IDEATA DAL MAGAZINE FAMILY HEALTH

Sì ai vaccini è la campagna social ideata dal magazine Family Health per sensibilizzare sul tema: lo strumento scientifico più efficace per proteggere i nostri figli e la comunità dalle gravi malattie



Sì ai vaccini nasce dalla Settimana europea, e mondiale, delle vaccinazioni svoltasi dal 24 al 30 aprile per confermare il valore scientifico e l’importanza sociale di questo strumento. 
LA CAMPAGNA SUI SOCIAL - La campagna “virale” ha già raggiunto 100.000 italiani e tutti possono partecipare. Come? Seguendo le istruzioni sulla Mappa Google (http://bit.ly/mappa-si-ai-vaccini) e aggiungendo il proprio nome (anche di fantasia) e un breve commento sul perché dovremmo dire tutti sì ai vaccini. 
Hanno già detto “sì” ai vaccini:
  • Alberto Villani, Presidente Società Italiana di Pediatria (SIP), Responsabile Dipartimento Pediatria Generale e Malattie Infettive, Ospedale Bambino Gesù, Roma
  • Giovanni Corsello, Past President Società Italiana di Pediatria (SIP), Professore Ordinario Pediatria, Università di Palermo
  • Mauro Stronati, Presidente Società Italiana di Neonatologia (SIN), Direttore Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, Neonatologia e della Terapia Intensiva Neonatale, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia
  • Marcello Ciaccio, Presidente Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica (SiBioC), Professore ordinario di Biochimica Clinica della Scuola di Medicina, Direttore del Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio del Policlinico Universitari, Palermo
  •  Marco Bianchi, Divulgatore scientifico nella squadra del Prof. U. Veronesi, cuoco amatoriale, autore di libri di cucina e volto televisivo.
OBBLIGATORIO SI O NO? CONTA SENSIBILIZZARE - Mentre si discute per rendere obbligatoria questa pratica clinica per garantire l’accesso sicuro dei bambini agli asili nido, tutti concordano sull’importanza della sensibilizzazione per raggiungere e mantenere una copertura vaccinale appropriata (95%) indispensabile per ridurre la “circolazione” dei germi e proteggere ciascun individuo, a partire dai più piccoli e per tutte le fasi della vita, dall’insorgenza di malattie ad alto rischio di disabilità o di morte. 

SALVARE VITE - L’introduzione dei vaccini ha infatti permesso di salvare milioni di vite e prevenire malattie complicanze. Ne è un esempio il morbillo, fatale per un numero di pazienti tra i 30 e i 100 casi su 100.000 persone colpite (fonte Epicentro) a causa di superinfezioni batteriche.
Anche se i vaccini non forniscono una protezione completa dalla malattia alla totalità degli individui a cui sono stati iniettati, emerge chiaramente dai dati che la diffusione delle vaccinazioni ha prodotto un importante calo del numero dei casi per malattie come poliomielite e difterite (per il 100 %), morbillo, rosolia e pertosse (oltre il 96%), tetano (91%) ed epatite B (86%).

L'IMPORTANZA DELLA COPERTURA PER LA COMUNITA' - Un’elevata copertura vaccinale permette inoltre di proteggere le persone che, per controindicazioni mediche o una mancata risposta immunitaria, non possono vaccinarsi.
E se qualcuno ancora dubitasse a causa di campagne denigratorie appartenenti al passato, è bene sapere che dal 2002 i conservanti a base di mercurio (timerosal) non vengono più utilizzati. 

CORRETTA INFORMAZIONE - La nuova sfida è dunque sfatare i falsi miti, rassicurare la popolazione a tutti i livelli attraverso una corretta informazione che tenga aggiornati sul calendario vaccinale per ciascuna età e documenti sull’efficacia reale e il grado di protezione per tutti i vaccini. Perché l’unica arma di prevenzione efficace per i nostri figli e per la comunità in cui viviamo resta la copertura vaccinale.
In quest’ottica si inserisce Family Health – per amore della tua salute che, attraverso il magazine per la famiglia, con editoriali, rubriche di esperti e news, contribuisce a sensibilizzare i lettori sull’importanza della prevenzione, come primo passo responsabile nella gestione del bene più prezioso: la salute. 

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails